ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi del latte: Bruxelles, più latte e meno coca-cola

Lettura in corso:

Crisi del latte: Bruxelles, più latte e meno coca-cola

Dimensioni di testo Aa Aa

Bevete il latte al posto della coca-cola!!!

Provocatrice la commissione europea che non si piega di fronte alle proteste degli agricoltori, in ginocchio per la crisi del latte, e ribadisce la volontà di liberalizzare il settore. Di fronte al prezzo del latte in caduta libera, in alcuni paesi ha toccato meno 50%, Bruxelles propone misure limitate, mirate a aiutare le aziende maggiormente in crisi. Come ha spiegato il commissario all’Agricoltura, Mariann Fischer Boel, nel giorno in cui le misure sono state rese pubbliche: “Suggeriamo varie possibilità per aumentare gli aiuti statali da 7500 euro a 15 mila euro per azienda spero che questa misura possa servire. Vorremo inoltre gestire il sistema quote in modo più severo e ritengo che alla fine anche questo misura soddisferà. Possiamo invece fare molto di più nel promuovere il latte e i prodotti caseari. Possiamo per esempio promuovere il latte nelle scuole”. A favore degli agricoltori si è schierato invece il parlamento europeo, che difende la politica agricola comune e chiede una riduzione delle quote latte che porterebbe a ridurre la produzione permettendo l’aggiustamento dei prezzi. José Bové, vice-presidente della commissione agricoltura del parlamento europeo. “Questa politica non porta niente ai consumatori, niente è cambiato quando si va a comprare un litro di latte o un panetto di burro. Chi se ne approfitta. Penso che la Commissione abbia una visione ideologica, ossia: aprendo il mercato, liberalizzando la politica agricola, riusciremo a risolvere il problema. Non è così. È esattamente il contrario, un’azienda agricola sparisce in Europa ogni tre minuti. È questa la situazione reale”. Mentre il prezzo del latte in Europa ha raggiunto il minimo storico, 16 centesimi al litro al produttore, gli agricoltori, mercoledì sono di nuovo scesi in piazza a Bruxelles. A giocare a loro sfavore le divisioni interne e l’incapacità di organizzare un fronte negoziale unito.