ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Barack Obama ringrazia alla Casa Bianca gli eroi dell'Apollo 11

Lettura in corso:

Barack Obama ringrazia alla Casa Bianca gli eroi dell'Apollo 11

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono stati gli eroi di una generazione di americani. Fra cui Barack Obama.

Quarant’anni dopo quel “piccolo passo per un uomo”, che voleva essere “un balzo gigantesco per l’umanità”, Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins sono stati accolti con evidente emozione dal presidente degli Stati Uniti nello studio ovale della Casa Bianca. Aveva otto anni, Obama, all’epoca. “Penso che in questo quarantesimo anniversario, – ha detto – siamo tutti grati a ciascuno di voi per quello che avete fatto, e ci aspettiamo che, nel momento in cui parliamo, ci sia un’altra generazione di bambini che stanno guardando il cielo e che saranno i prossimi Armstrong, Collins e Aldrin. E vogliamo fare in modo che la Nasa sia pronta per loro quando vorranno partire per il loro viaggio”. L’incontro alla Casa Bianca è stato il clou di una giornata di iniziative a cui hanno partecipato ieri i tre astronauti, nell’ambito delle celebrazioni per il quarantesimo anniversario dello sbarco sulla luna. Un anniversario trascorso guardando al futuro: nella conferenza stampa con altri reduci delle missioni Apollo, il messaggio è stato chiaro e martellante: ora bisogna andare su Marte. I cosmonauti intendono fare pressione su Obama perché il prossimo balzo dell’umanità, quello sul pianeta rosso, avvenga il prima possibile.