ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Non toccate il giorno del Signore. Polemiche in Scozia per il traghetto domenicale

Lettura in corso:

Non toccate il giorno del Signore. Polemiche in Scozia per il traghetto domenicale

Dimensioni di testo Aa Aa

È la nave del demonio. Almeno, tale lo considera un gruppetto di irriducibili difensori del riposo nel giorno del Signore, che ieri si sono dati appuntamento a Stornoway, sull’isola scozzese di Lewis, per protestare contro il nuovo servizio domenicale del traghetto.

Un pastore di una chiesa locale illustra così la sua posizione: “Mi sento deluso, provo una profonda tristezza perché quello che da molti anni è una tradizione per queste persone, e una tradizione benedetta, gli è stata portata via”. Il traghetto collega l’isola di Lewis, nelle Ebridi, a Ullapool, in Scozia. Ma finora non effettuava servizio la domenica. La maggior parte degli isolani sembra comunque ben contenta della novità, come dimostrano queste testimonianze: “Ha subito avuto un enorme impatto sulla mia vita – dice una residente dell’isola. – I miei figli sono venuti a farmi visita. Non potevano farlo prima, ed è fantastico”. Mentre un anziano rimpiange di non averne potuto godere prima: “Arriva troppo tardi per me. Ho lavorato sulla terraferma per molti anni, e a quell’epoca non potevo venire a casa a trovare la mia famiglia nei fine settimana, ero costretto a prendere dei giorni di permesso”. Il direttore di CalMac, la compagnia che gestisce il traghetto, ha spiegato che non effettuare servizio sette giorni su sette è illegale. E poi ha annunciato con soddisfazione di aver già ricevuto prenotazioni per le prossime sei domeniche.