ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Verso una politica europea sull'immigrazione clandestina. Diritto di asilo e cooperazione

Lettura in corso:

Verso una politica europea sull'immigrazione clandestina. Diritto di asilo e cooperazione

Dimensioni di testo Aa Aa

Cooperazione e solidarietà tra i Paesi dell’Unione Europea per far fronte al problema dell’immigrazione clandestina. Questa la linea emersa dal summit di Stoccolma tra i ministri degli interni europei. Non solo: potenziare l’attività di sorveglianza nel Mediterraneo ma anche avviare accordi di rimpatrio con i paesi di provenienza degli immigrati.

“Il diritto di asilo dovrà riguardare quelle persone che sono perseguitate o che realmente rischiano violenze, ha spiegato il vicepresidente della Commissione Europea Barrot. Nonostane il periodo di crisi tutti i paesi europei devono cooperare anche economicamente per risolvere il problema”. Per la gestione dei flussi migratori è un importante passo in avanti dopo le polemiche tra Bruxelles e il governo italiano sulla misura adottata dal Ministro Maroni di respingere i clandestini. Quello degli sbarchi è un problema che tuttavia non riguarda solo le coste italiane, la situazione è allarmante anche in Grecia. “ I nostri problemi sono problemi europei, fa notare il ministro dell’interno greco. L’Unione Europea deve dare degli aiuti anche economici. L’immigrazione clandestina esiste perchè non c‘è un severo controllo alle frontiere. Servono provvedimenti urgenti”. Intanto la Francia accetterà di ospitare alcuni dei clandestini che sbarcano nel sud del’Europa, stesso provvedimento anche in Germania mentre la Spagna offrirà incentivi agli stranieri affinché rientrino in patria. Ogni anno sono migliaia gli extracomunitari che sbarcano sulle coste del Mediterraneo.