ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il primo giorno da europarlamentari

Lettura in corso:

Il primo giorno da europarlamentari

Dimensioni di testo Aa Aa

La più giovane e la più chiacchierata: il parlamento europeo può vantare la metà di volti nuovi tra i suoi scranni. Emilie Turunen, 25 anni, danese, è la più giovane, la mascotte di questa legislatura. Rashida Dati, invece, approda qui dopo il benservito di Sarkozy in gennaio, in seguito alla sua criticata gestione della vita privata.

“Le sfide sono immense, dice la giovane Emile con l’entusiasmo del primo giorno di scuola, in Europa siamo molto diversi ma siamo qui per cooperare. Non vedo l’ora di conoscere altre culture politiche, sono curiosa, la gente sembra molto aperta e amichevole, è un buon inizio. Avremo modo poi di discutere le nostre differenti idee politiche”. “Il parlamento europeo per me non è un essere sconosciuto. Ci ho lavorato in quanto magistrato e durante la presidenza francese dell’Unione europea. Perchè era indispensabile, bisogna essere presenti al parlamento europeo quando si è ministri e si hanno in mano dossier così importanti come la giustizia e la sicurezza. Conoscevo il funzionamento e le sfide del parlamento europeo. Ora come deputato europeo, passo dall’altra parte, è un ruolo diverso, ma lo affronterò con le stesse convinzioni e gli stessi valori di quando ero ministro della giustizia”. I colori del nuovo europarlamento rispecchiano in linea di massima quelli della precedente versione. Primo raggruppamento quello dei popolari, secondo quello dei socialisti e demoocratici che ha aggiunto la seconda parola per integrare i membri del Pd italiano. I liberali dell’Alde sono la terza. Seguono verdi e conservatori riformisti alla pari, sinistra unitaria, euroscettici sotto la bandiera di Europa della libertà e democrazia, e Non iscritti. L’emiciclo puo’ vantare un crescente numero di volti femminili: il 35 per cento, contro il 31 % nel 2004. Le delegazioni rosa più consistenti vengono dal nord europa e dall’Olanda. Al contrario Malta non ha eletto nessuna donna, e l’Italia viene subito dopo con il 79 per cento di deputati uomini.