ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama in Ghana, stato modello di democrazia per l'Africa

Lettura in corso:

Obama in Ghana, stato modello di democrazia per l'Africa

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Ghana è pronto a ricevere Barack Obama: benvenuto si legge dappertutto per le strade di Accra, la capitale.

La popolazione è orgogliosa di ricevere per almeno ventiquattro ore il presidente americano in Africa: dopo la breve visita in Egitto di Obama, questo è in ogni caso il suo primo viaggio nell’Africa subsahariana. Ma perché il Ghana? “Si tratta di una visita altamente simbolica, dice Robert Rotberg, analista dell’Università di Harvard. Ha scelto un paese che ha una storia recente all’insegna della democrazia, dove pochi mesi fa si sono svolte elezioni dai risvolti molto positivi, e dove i progressi economici sono tangibili.” Lo scorso dicembre il Ghana ha celebrato elezioni salutate dalla comunità internazionale come un modello di trasparenza per l’Africa. L’opposizione ha conquistato il parlamento e la presidenza. Obama, che incontrerà il nuovo presidente John Atta-Mills, pronuncerà un discorso molto atteso in parlamento sulla governance, la buona gestione della cosa pubblica. Entrambi i paesi, Usa e Ghana, hanno forti aspettative da questa visita. Accra spera di veder affluire capitali e investitori; Washington conta sulla posizione strategica del paese africano, al centro del Golfo di Guinea, dove l’anno prossimo dovrebbe partire lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi al largo proprio delle coste del Ghana. Al di là degli interessi economici, uno dei momenti clou della tappa di Obama sarà la visita al forte di Cape Coast, epicentro della tratta degli schiavi: da li’ sono partiti migliaia di africani per un viaggio senza ritorno verso l’Europa e il continente Americano. “Questo è un viaggio storico, dice Morgan Mensah, guida al monumento, anche perché in qualche modo ricorda ai fratelli e alle sorelle della diaspora che è un dovere nei confronti dei nostri antenati venire in visita in Africa.” Una visita di appena un giorno ma d’enorme importanza dunque per tutto un continente che avrà gli occhi puntati sul Ghana, oggi modello di democrazia per l’Africa.