ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Calma forzata nello Xinjiang. Arrestate più di 1000 persone, tutte uiguri

Lettura in corso:

Calma forzata nello Xinjiang. Arrestate più di 1000 persone, tutte uiguri

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ tornata la calma a Urumqui, il capoluogo della regione cinese dello Xianjiang teatro nei giorni scorsi di pesanti scontri interetnici tra uiguri e han costati la vita ad almeno 156 persone, secondo un bilancio ufficiale.

Esercito e polizia presidiano le strade per impedire agli uiguri, turcofoni e musulmani, di riprendere la loro protesta. Negozi e uffici riaperti, la città pare tornare alla normalità. Ma nessuno può dire se e quando potrà tornare la concordia tra le due principali etnie. Più di mille persone sono state arrestate, e di molte non si ha notizia. “Come mio marito molta altra gente è scomparsa, e ora non sappiamo dove si trovi”, dice una abitante della città. La tensione nello Xinjiang preoccupa Pechino. La regione, un sesto dell’intera Cina, è strategica per la sua collocazione geopolitica, e fondamentale per la tenuta del potere centrale. Ieri un alto dirigente del Partito comunista locale ha annunciato la condanna a morte contro coloro che in questi giorni si sono macchiati di gravi crimini. Continuano, infine, i rastrellamenti delle forze dell’ordine, documentate da immagini girate di nascosto.