ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Zelaya vuole tornare. L'Honduras escluso dall'Osa

Lettura in corso:

Zelaya vuole tornare. L'Honduras escluso dall'Osa

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Honduras e la comunità internazionale in attesa del ritorno di Manuel Zelaya, mentre il Paese è stato escluso dall’organizzazione degli Stati Americani.

A Tegucigalpa diverse migliaia di sostenitori del presidente destituito hanno marciato fino all’aeroporto con l’intenzione di assicurare l’atterraggio dell’aereo di Zelaya, fermandosi di fronte a un massiccio schieramento militare. A Washington, davanti all’assemblea dell’Osa Zelaya ha confermato l’intenzione di tornare oggi nel Paese, anche se lì rischia l’arresto come ha ripetuto il capo di Stato designato dopo la sua destituzione Roberto Micheletti. La sospensione dell’ Honduras dall’organizzazione è stata stata decisa dopo che le autorità honduregne hanno ignorato l’ultimatum di reintegrare Zelaya. “Voglio tornare nel mio Paese perché è importante che lì sia ristabilita la pace”, ha detto Zelaya. “Io rappresento solo la gente del mio Paese, sto semplicemente lottando per ripristinare la democrazia nel mio Paese”. La Conferenza episcopale locale ha chiesto a Zelaya di temporeggiare per evitare violenze. Il presidente, al potere dal 2006, è stato catturato e trasferito all’estero nel giorno in cui avrebbe dovuto tenersi un referendum costituzionale che prevedeva la possibilità per il presidente di candidarsi per un secondo mandato.