ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Incidenti al corteo "No Dal Molin"

Lettura in corso:

Incidenti al corteo "No Dal Molin"

Dimensioni di testo Aa Aa

Scontri fra un gruppo di manifestanti ed agenti nel corso del corteo contro il progetto della nuova base americana di Vicenza. Fra le 10 e le 15 mila persone erano scese in piazza per dire no al progetto di trasformazione dell’ex aeroporto Dal Molin. Gli incidenti sono avvenuti all’altezza di un ponte sul fiume Bacchiglione, non lontano dalla recinzione della base. Secondo i manifestanti le forze dell’ordine non avrebbero dovuto trovarsi lì. Erano stati presi accordi con le autorità cittadine affinché poliziotti e carabinieri rimanessero proprio a ridosso della zona militare e non lungo il percorso del corteo:

“Lo schieramento delle forze dell’ordine era uno schieramento che vietava questa manifestazione – dice un dimostrante – Il questore aveva garantito che le forze dell’ordine sarebbero state all’interno, a difesa dell’area e che il corteo sarebbe stato libero di esprimersi. Così oggi non è stato”. “Noi, qui a Vicenza, è da anni che facciamo manifestazioni – aggiunge un altro – le abbiamo sempre fatte pacifiche, non è mai successo niente”. La città di Vicenza, dichiarata patrimonio mondiale dall’UNESCO, è ricca di tesori d’arte di palladiana memoria. I vicentini si oppongono a quella che diventerebbe una delle più grandi basi militari americane in Europa, una base che, tra l’altro, verrebbe a trovarsi ad appena un chilometro e mezzo, in linea d’aria, dalla basilica progettata dal Palladio, edificio che è uno dei simboli della protesta pacifista. Gli abitanti hanno già respinto il progetto con un referendum. Una delegazione del comitato No Dal Molin sarà presente all’Aquila nei giorni del G8 per tentare di fare pressione sulla nuova amministrazione statunitense.