ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca attende l'arrivo di Obama per riprendere il filo di un dialogo interrotto

Lettura in corso:

Mosca attende l'arrivo di Obama per riprendere il filo di un dialogo interrotto

Mosca attende l'arrivo di Obama per riprendere il filo di un dialogo interrotto
Dimensioni di testo Aa Aa

Ricominciare da zero, dimenticando i recenti attriti che avevano creato un clima da guerra fredda. Russia e Stati Uniti ci proveranno a Mosca, tra il sei e l’otto luglio, in occasione della prima visita del presidente Obama dal suo insediamento alla Casa Bianca.

Il capo del Cremlino Dmitry Medvedev, sul suo sito internet, si dice ottimista: “La nuova amministrazione americana guidata da Barack Obama sostiene di voler cambiare le cose e costruire rapporti nuovi, più efficaci, seri e moderni. Noi siamo pronti”. Tra i tanti temi in agenda, gli analisti ritengono che Mosca e Washington potrebbero raggiungere un accordo quadro, per ridurre le rispettive testate nucleari. Prima però dovranno intendersi su altri fronti: “La Russia non è disposta a transigere su punti che non gradisce: come un allargamento a est della Nato che includa Georgia o Ucraina, questo Mosca non lo accetterebbe mai, e anche il progetto americano di uno scudo antimissile in Europa centrale”. Rapporti meno contrastati: prima ancora che un’esigenza diplomatica è una richiesta dell’opinione pubblica. “I nostri rapporti devono cambiare, è il momento giusto, entrambe le parti devono cercare un compromesso e mettere da parte le loro diffidenze”. In gioco ci sono gli assetti mondiali: dall’Iran alla minaccia nordcoreana, al terrorismo. Le due superpotenze devono dialogare, Medvedev e Obama non hanno scelta.