ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Comore, continuano ricerche, ma poche speranze per superstiti

Lettura in corso:

Comore, continuano ricerche, ma poche speranze per superstiti

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella speranza sempre più debole di ritrovare altri sopravvissuti, in cerca dei corpi delle vittime. Continuano le ricerche nel tratto di Oceano Indiano tra il Madagascar e le coste del Mozambico, al largo delle Isole Comore, dove il volo della compagnia di bandiera yemenita si è inabissato martedì con 153 persone a bordo. Mezzi e uomini di Francia, Stati Uniti, Madagascar non hanno ancora trovato le scatole nere che potrebbero aiutare a ricostruire la dinamica della tragedia.

L’Airbus A-310 che dopo la tratta Parigi-Marsiglia-Sanaa ha sostituito l’A-330, non sorvolava il suolo francese da due anni, causa carenze tecniche. “Dire che l’aereo non era in buone condizioni è un’esagerazione” si difende il Presidente della compagnia aerea. “E’ un’affermazione falsa e irresponsabile, ma è anche un attacco a noi, Paese povero a cui nessuno si interessa”. Parigi ha aperto un’inchiesta contro ignoti per omicidio colposo. La compagnia yemenita promette 20.000 euro per le famiglie delle vittime. Ma la comunità comoriana, numerosa soprattutto a Marsiglia, accusa: “Bisogna vietare alla Yemenia Airways di coprire la tratta Parigi-Isole Comore. Quelli sono voli della morte”. Ieri due agenzie di viaggio di Marsiglia hanno chiuso i battenti dopo le proteste di centinaia di immigrati e francesi di origine comoriana.