ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Passaggio di consegne, attentato a Kirkuk, la sfida per l'Iraq

Lettura in corso:

Passaggio di consegne, attentato a Kirkuk, la sfida per l'Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Una festa durata un giorno nemmeno. Ma per l’Iraq resta comunque una giornata storica, quella della partenza delle truppe americane dalle città del Paese. Da ieri la sicurezza è nelle mani del personale iracheno. Ma che la strada sia tutta in salita lo dice il drammatico attentato che a Kirkuk ha fatto oltre 30 morti. Lo ha sottolineato il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. C‘è da aspettarsi una nuova ondata di violenza, ma gli insorti falliranno il loro obiettivo, ha detto:

“Ora i leader iracheni devo prendere delle decisioni difficili ma necessarie per risolvere questioni politiche chiave, per creare nuove opportunità e garantire la sicurezza dei loro cittadini. Per questo sforzo gli Stati Uniti saranno un partner forte per il popolo iracheno, per creare sicurezza e prosperità. Ma attenzione, ci aspettano giorni difficili. Sappiamo che la violenza in Iraq continuerà. Lo abbiamo visto nella follia delle bombe a Kirkuk”. 33 morti e 92 feriti è il bilancio ufficiale dell’attentato in un mercato nel centro di Kirkuk, città a Nord di Baghdad. Un messaggio ai 500.000 poliziotti e 250.000 militari iracheni ormai unici responsabili del controllo di città e centri urbani. Sono oltre 200 i morti nell’ondata di attentati delle utlime settimane.