ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Golpe in Honduras: Zelaya riparato in Nicaragua

Lettura in corso:

Golpe in Honduras: Zelaya riparato in Nicaragua

Dimensioni di testo Aa Aa

Tegucigalpa brucia. Centinaia di incendi sono stati appiccati nella capitale dell’Honduras dai sostenitori del deposto presidente Manuel Zelaya in segno di protesta per il colpo di stato dell’esercito. Fuochi e barricate rendono impossibile l’accesso al palazzo presidenziale. Sono migliaia i manifestanti che si schierano con l’ex presidente e accusano l’esercito di metodi antidemocratici.

Ma l’Honduras sembra aver già voltato pagina. Roberto Micheletti, il nuovo capo di stato designato dal Parlamento, ha già prestato giuramento e ha ringraziato la Chiesa e l’esercito per il sostegno che gli hanno accordato. Dopo essere stato portato a forza in Costarica, ora Zelaya si trova in Nicaragua e non si rassegna. “Sono io il presidente del popolo honduregno. Solo il popolo honduregno può destituirmi o confermarmi in carica, non un gruppo di gorilla. Non sono loro che mi toglieranno il potere morale di rappresentare il popolo honduregno”. Quello in Honduras è il primo colpo di stato in America Latina dai tempi della guerra fredda In difesa di Zelaya non si è schierata solo una fetta della popolazione honduregna ma la quasi totalità della diplomazia internazionale, in particolare quella latino-americana. Il presidente venezuelano Hugo Chavez ha definito il colpo di stato in Honduras una barbarie.