ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una carriera che si rigenera: la parabola musicale di Michael Jackson

Lettura in corso:

Una carriera che si rigenera: la parabola musicale di Michael Jackson

Dimensioni di testo Aa Aa

“Moon Walk”, il passo di danza che sfida la legge di gravità, deve la sua fama al video clip di Billy Jean: 58esima miglior canzone di tutti i tempi, secondo la rivista Rolling Stone.

Per Michael Jackson, erano i tempi d’oro di Thriller. Berry Gordy: “Michael è stato e rimarrà sempre uno dei più grandi intrattenitori che si conoscano”. Fondatore dell’etichetta Motown, Berry Gordy lanciò i Jackson Five e produsse 4 loro album. Della prima incisione di Michael per Motown, ad appena dieci anni, conserva un ricordo preciso: “Ha sempre voluto essere il migliore ed era pronto a lavorare duramente per riuscirci. Era chiaro fin da allora che era un vincente”. Nel 1979, “Off The Wall”, il suo primo album prodotto da Quincy Jones, rivela l’enorme talento solista di Michael Jackson, all’epoca ventunenne. La consacrazione arriva nell’82 con Thriller. In termini di copie vendute, l’album non ha rivali nella storia della musica. Artisticamente, è un tornado che lascia il segno ben oltre gli anni ’80. Nile Rodgers, produttore musicale: “Qui siamo al livello di Elvis, al livello dei Beatles, al livello di Madonna, o della Streisand. E’ superlativo, sta tra quelle vette raggiunte solo da un pugno di superstar. Ascoltando la musica di Michael, ti rendi conto che era rivoluzionaria su diversi piani. E’ come se non avesse mai smesso di rigenerare la propria carriera, in continuazione… e ogni volta quella carriera apriva una nuova fase della sua vita. Ha cambiato la cultura popolare”. Il video clip di Bad è realizzato da Martin Scorsese. E’ il 1987 ed è l’ultimo grande contributo di Michael Jackson alla musica pop. Negli anni seguenti la carica innovatrice si spegne, ma non il successo di pubblico.