ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

G8, si cerca intesa per condannare l'Iran

Lettura in corso:

G8, si cerca intesa per condannare l'Iran

Dimensioni di testo Aa Aa

I ministri degli esteri del G8 cercano un compromesso su una dichiarazione che stigmatizzi la repressione in Iran. Il summit di Trieste, che ha l’Afghanistan come primo argomento in agenda, ha dovuto occuparsi della vicenda iraniana. Il ministro degli esteri della Repubblica islamica non ha risposto all’invito dell’Italia e non si è presentato. Il compromesso da raggiungere è tra i Paesi occidentali, guidati dal ministro degli esteri italiano Franco Frattini presidente di turno, e la Russia, rappresentata da Sergei Lavrov. Mosca vuole che nella dichiarazione ufficiale venga specificato che le questioni legate allo scrutinio elettorale sono un affare interno all’Iran. Il ministro Frattini si dice ottimista sul raggiungimento di una linea comune: “Abbiamo, nel G8, Paesi come il Giappone e la Russia che hanno relazioni molto strette con l’Iran. Ma davanti alla morte, alla violenza, a fatti così gravi, penso che ci ritroveremo tutti insieme”. Fuori dei palazzi del G8 triestino, manifestanti brandivano cartelli di protesta contro la repressione messa in atto dal regime di Teheran. Il summit dei ministri degli esteri si concluderà domani.