ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Consiglio d'Europa si schiera con le minoranze

Lettura in corso:

Il Consiglio d'Europa si schiera con le minoranze

Dimensioni di testo Aa Aa

I diritti delle minoranze devono essere tutelati. Il Consiglio d’Europa ha approvato una raccomandazione indirizzata ai paesi membri in cui si chiede loro di occuparsi di questa fetta di popolazione. Ci sono due milioni e mezzo di persone che hanno lasciato i loro paesi d’origine e hanno trovato accoglienza in altri stati. Ma le loro condizioni di vita sono precarie.

Tina Acketoft è la relatrice del dossier. “Queste sono persone che vivono tra di noi. Stiamo parlando di cittadini europei. 2 milioni e mezzo di persone che vivono all’interno dei confini europei e che dovrebbero godere dei nostri stessi diritti: una casa, scuole adeguate per i loro figli, cure sanitarie se ne hanno bisogno, la possibilità di votare per chiunque vogliano”. Ai lavori del Consiglio d’Europa era presente anche il rappresentante dell’Onu per le minoranze. “Abbiamo due situazioni calde in Europa: la prima riguarda il sud del Caucaso, la Georgia e l’Azerbaijan, l’altra i Balcani, cioè la Bosnia, la Serbia e il Kosovo. Poi ci sono situazioni meno calde in cui le minoranze vorrebbero tornare al loro paese e non possono farlo, vorrebbero condurre una vita normale ma molti di loro sono ancora costretti a vivere in case di fortuna ai margini della società”. Tra gli 11 stati in cui la situazione è piú grave ci sono anche l’Armenia, Cipro, la Moldova, la Russia e la Turchia.