ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libertà degli studenti tedeschi di giudicare i loro prof

Lettura in corso:

Libertà degli studenti tedeschi di giudicare i loro prof

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli studenti tedeschi potranno continuare a bocciare i loro prof. La Corte Federale ha respinto la denuncia di una insegnante delle medie che chiedeva la messa al bando di uno dei siti sui quali si può votare l’operato dei professori. Tino Keller, responsabile della pagina web in questione, commenta la decisione dei giudici:

“Abbiamo spiegato chiaramente che su “spikmich.de” il professore non appare come privato, ma nel suo ruolo e mestiere di insegnante. Deve dunque accettare le critiche degli allievi. Si tratta della loro libertà d’opinione”. La docente del Nord-Reno Westfalia, che aveva preso un 4,3 su 10, si era sentita “ferita nella propria personalità”. Il legale della professoressa: “Critico in particolare l’anonimato del giudizio dato e il fatto che la stessa persona possa votare più di una volta lo stesso professore, alterando la trasparenza e la credibilità della valutazione, principi che il sito web dice tuttavia di voler tutelare”. La sentenza della Corte Federale di giustizia conferma la posizione del tribunale di Colonia, al quale si era già rivolta l’insegnante nel 2007: il servizio fornito dal sito si colloca entro le libertà di espressione tutelate dalla Costituzione.