ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Smentita degli inquirenti: "Non è stata ritrovata la scatola nera dell'Airbus di Air France"


Brasile

Smentita degli inquirenti: "Non è stata ritrovata la scatola nera dell'Airbus di Air France"

Tre settimane dopo la tragedia dell’Airbus di Air France scomparso in Atlantico, le scatole nere non sono state ancora ritrovate. Il Bea, l’ufficio di inchiesta e di analisi francese che conduce l’indagine, smentisce le notizie apparse sulla stampa, secondo le quali sarebbero stati captati i segnali emessi dai due registratori di volo.

Niente del genere, per un portavoce della Marina, che però conferma l’avvenuta ricezione di un allarme. “Naturalmente stiamo verificando l’allerta”, dice il comandante Prazuck, “Ma finora niente ci dice che l’allerta che abbiamo registrato venga da una scatola nera”. “Le scatole nere non sono state localizzate, non sono state recuperate, e sono tuttora oggetto di ricerca”. Le speranze residue di ritrovare i due registratori di volo, fondamentali per determinare le cause della catastrofe, diminuiscono però di ora in ora. Il segnale emesso dai dispositivi resta attivo per un mese, e non rimane che una settimana ancora per poter sperare di individuarli. Continuano anche le ricerche dei rottami dell’aereo e dei corpi delle vittime. Delle 228 persone a bordo sono stati finora recuperati solo una cinquantina di cadaveri.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Pirati: rilasciata la nave olandese. Un morto a bordo