ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran: un giorno senza proteste

Lettura in corso:

Iran: un giorno senza proteste

Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo giorno senza proteste di piazza. Dopo oltre una settimana di manifestazioni quotidiane a Teheran è tornata la calma. In realtà è solo apparente. L’opposizione guidata da Mir Hossein Moussavi non intende accettare la riconferma a presidente di Mahmoud Ahmadinejad e ha già organizzato per i prossimi giorni delle cerimonie pubbliche per commemorare i morti negli scontri con la polizia.

Ma il Consiglio dei Guardiani della Rivoluzione ha già fatto sapere che le elezioni non saranno annullate: le irregolarità non sono sufficientemente gravi. Il governo iraniano continua a sostenere la tesi dell’ingerenza internazionale. A soffiare sul fuoco della rivolta ci sarebbero le potenze occidentali. La televisione di stato ha suonato la grancassa della propaganda proponendo testimonianze della popolazione locale che avvalorerebbero la tesi del complotto. Da lunedí la repressione si è fatta piú severa soprattutto per l’intervento delle milizie Basiji, i volontari, in prevalenza giovani, che costituiscono il corpo piú temuto delle guardie rivoluzionarie islamiche.