ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Svezia, prossimo presidente di turno Ue, si dice favorevole all'entrata in Europa della Turchia

Lettura in corso:

La Svezia, prossimo presidente di turno Ue, si dice favorevole all'entrata in Europa della Turchia

La Svezia, prossimo presidente di turno Ue, si dice favorevole all'entrata in Europa della Turchia
Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo luglio la Svezia assumerà la presidenza semestrale dell’Unione Europea. E a Stoccolma si mettono a punto le strategie per gestire con successo i dossier più importanti. Crisi economica e strategie di rilancio della crescita, un nuovo più incisivo impulso alla politica europea in vista della cruciale conferenza internazionale sul clima fissata per il prossimo dicembre. Questi sono solo i principali punti all’esame delle autorità di Stoccolma. Carl Bildt, ministro degli esteri svedese a Bruxelles ha inoltre fatto di nuovo capire che il suo paese è favorevole al proseguimento della politica di allargamento dell’Unione e intende onorare gli impegni presi dai 27 con Croazia e soprattutto Turchia.

“Ci sono partiti – ha spiegato Bildt – che portano avanti una campagna esplicitamente ostile nei confronti di Ankara e qualche volta anche nei confronti della comunità musulmana nel suo insieme. Viviamo in democrazia e su questi temi è comunque giusto che ci sia un dibattito pubblico” Bildt non ha risparmiato qualche stoccata in particolare alla Francia che assieme alla Germania è contraria all’adesione della Turchia all’Unione e non intende andare piu in la di un partenariato strategico. Sarkozy a maggio aveva deciso di annullare la prevista visita di stato a Stoccolma proprio perchè tra Svezia e Francia i rapporti non sono proprio idilliaci. L’incontro è stato spostato al 3 luglio