ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dura repressione del regime iraniano contro i sostenitori del leader Mussavi

Lettura in corso:

Dura repressione del regime iraniano contro i sostenitori del leader Mussavi

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ ormai in moto la macchina repressiva del regime iraniano. La scelta dei manifestanti sostenitori del leader riformista Mussavi, di tornare in piazza a Teheran è stata accolta come un affronto. Le forze di sicurezza, appoggiate da miliziani islamici, hanno cercato di stroncare il raduno: con gas lacrimogeni, idranti e pestaggi a colpi di manganello. La violenza secondo alcune fonti non confermate avrebbe provocato almeno dai 19 ai 30 morti e centinaia di feriti.

In questo clima di repressione il candidato uscito sconfitto dalle elezioni, Mussavi ha affermato di essere pronto al “martirio”, riconfermando le accuse di brogli e ribadendo la sua richiesta di annullare la consultazione. Mussavi ha invitato la popolazione ad uno sciopero generale nel caso dovesse essere arrestato. Il leader moderato ha anche pubblicato un documento sul suo sito, dove si è spinto fino a criticare, senza nominarlo, lo stesso Ayatollah Khamenei, accusandolo di minacciare il carattere repubblicano del sistema politico iraniano. In queste ore sarebbero in corso anche decine di arresti. Ma è difficile avere conferme sulla situazione dato che ai giornalisti stranieri non è possibile coprire gli eventi.