ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Torna a colpire il terrorismo basco

Lettura in corso:

Torna a colpire il terrorismo basco

Dimensioni di testo Aa Aa

I terroristi baschi tornano a colpire. Una bomba a ventosa applicata sotto il serbatoio di un’autovettura è esplosa quando il conducente ha messo in moto. Nell’esplosione e nell’incendio che ne è seguito è morto Eduardo Pelles Garcia, 49 anni, ispettore dell’antiterrorismo nel Paese basco spagnolo. Era appena uscito di casa per andare al lavoro, l’assassinio è avvenuto praticamente sotto gli occhi della moglie e dei due figli. L’attentato è stato messo a segno ad Arrigorriaga, città nella provincia di Vyzcaia, non lontano da Bilbao. Si tratta del primo attacco dopo le elezioni basche del marzo scorso, che hanno portato al potere i socialisti di Patxi Lopez, diventato capo del governo regionale, dopo decenni di dominio nazionalista. Il parlamento basco e quello nazionale hanno osservato un minuto di silenzio, tutte le forze politiche hanno condannato l’attacco. Da Bruxelles è intervenuto il presidente del governo spagnolo Josè Luis Rodriguez Zapatero. “Sapevamo – ha detto – che poteva succedere di nuovo, anche se l’organizzazione terroristica è indebolita come non mai, grazie all’azione delle forze di sicurezza, dei giudici, dei tribunali, della cooperazione internazionale. Sapevamo che poteva succedere di nuovo, ma non ci rassegneremo mai ad accettarlo”. Gli inquirenti ritengono che l’attentato sia da attribuire all’Eta. L’ultimo attacco dell’organizzazione separatista risaliva al dicembre scorso.