ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Agenda fitta per il Consiglio dell'Unione europea

Lettura in corso:

Agenda fitta per il Consiglio dell'Unione europea

Dimensioni di testo Aa Aa

Referendum irlandese sul Trattato di Lisbona, conferma di Barroso alla presidenza della Commissione europea e riforma del sistema finanziario. Sono questi i temi al centro del Consiglio dell’Unione europea, al via questo giovedi’ a Bruxelles. Questioni che decideranno la rotta dell’Europa del post elezioni.

Occorre rimettere in marcia il processo di ratifica del Trattato di Lisbona. Senza il si’ irlandese resta sospesa anche l’adesione della Repubblica Ceca e della Polonia. Per un pronto ritorno alle urne Dublino pone tre condizioni: il mantenimento del proprio commissario anche dopo il 2014 quando il numero passerà da 27 a 18. Ma anche, nessuna interferenza nella propria politica tributaria, il mantenimento del divieto di aborto, e la tutela della neutralità militare. Il presidente uscente della Commissione europea spera di ottenere da questo Consiglio il sostegno politico necessario alla propria rielezione per altri cinque anni. Un impegno cui i ventisette dovrebbero restare fedeli in occasione del voto parlamentare del 15 luglio prossimo, quando si eleggerà il presidente, secondo quanto disposto dal Trattato di Nizza. Francia e Germania, che sostengono la ricandidatura, hanno invitato pero’ Barroso a presentare il proprio programma politico nel corso del Consiglio. Prima di passare alle urne l’asse Merkel- Sarkozy punta ad ottenere un’impegno concreto sulla regolamentazione del sistema finanziario, cui si oppone il premier Gordon Brown. “Cio’ che i britannici non vogliono- spiega un politologo- è proprio cio’ di cui si discuterà in questi giorni, e cioè un’autorità di supervisione dei mercati a livello europeo, che intervenga quando i governi non abbiano trovato una soluzione condivisa”. Il sistema di regolamentazione finanziaria dovrebbe entrare in vigore nel 2010.