ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'industria del tabacco nella "rete" del governo

Lettura in corso:

L'industria del tabacco nella "rete" del governo

Dimensioni di testo Aa Aa

Storico giro di vite per i produttori di sigari e sigarette negli Stati Uniti. Il Congresso ha approvato una legge che affida al governo il compito di regolare produzione, vendita e marketing di tutti prodotti legati al tabacco. Negli Stati Uniti, fuma un americano su cinque. Un vizio che, ogni anno, uccide circa 440.000 persone. Un settore da quasi 90 miliardi di dollari di fatturato.

Il Presidente Obama, fumatore occasionale, ha accolto con entusiasmo la svolta. “I leader di entrambi i partiti – ha detto – hanno combattuto per più di dieci anni per eliminare il marketing nei confronti dei giovani e per fare sì che i produttori fornissero ai cittadini le informazioni necessarie sui pericoli di questa abitudine. Dopo quasi un decennio, si profila una vittoria con questa legge”. Tutto passa ora alla Food and Drug Administration, l’organismo statunitense di controllo della Sanità. Il testo prevede limiti al livello di nicotina nelle sigarette, misure per scoraggiarne il consumo tra i giovani, attraverso un maggior controllo sull’utilizzo di aromi, l’approvazione da parte dell’FDA per i nuovi prodotti, informazioni dettagliate sugli ingredienti. Secondo le stime del governo, la misura potrebbe portare a una riduzione del consumo dell’11 percento nei prossimi dieci anni tra i minori e 2 percento tra gli adulti.