ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le sosprese delle elezioni europee: candidati invisibili ma vincenti

Lettura in corso:

Le sosprese delle elezioni europee: candidati invisibili ma vincenti

Dimensioni di testo Aa Aa

Per molti erano solo dei candidati invisibili, inseriti per fare un po’ di clamore. Eppure alla fine ce l’hanno fatta. Come il Partito Pirata svedese che ha vinto un solo seggio, ma è già forte della simpatia di migliaia di giovani europei. Tre gli argomenti nell’agenda politica: la riforma della legge sul copyright, l’abolizione del sistema dei brevetti e il rispetto per il diritto alla privacy.

“Quello che posso fare è diffondere la conoscenza che esiste in rete – dice Christian Engstrvm, candidato del Partito Pirata Svedese -. Posso passare tutte queste informazioni agli altri deputati. Ma dietro agli attivisti c‘è un’incredibile forza” Anche Elena Basescu, 29 anni, ex-modella e figlia del presidente della Romania, è riuscita a conquistare un seggio alle elezioni europee. La sua presenza nelle liste del partito del padre aveva scatenato le proteste dei media costringendola candidarsi come indipendente. Non ce l’ha fatta, invece, Emanuele Filiberto di Savoia che si era presentato alle elezioni europee nelle liste dell’UDC. Ma la sconfitta non lo fermerà. Il principe si dice infatti pronto a continuare la sua carriera politica.