ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I libanesi ai seggi, scelgono Occidente, o Iran e Siria

Lettura in corso:

I libanesi ai seggi, scelgono Occidente, o Iran e Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Occidente, oppure Iran e Siria. I libanesi hanno iniziato a votare per il rinnovo del Parlamento. Un’elezione importante per l’equilibrio del Paese, e per l’intera regione. Circa tre milioni gli elettori chiamati oggi a scegliere i 128 deputati che li rappresenteranno per i prossimi quattro anni.

La battaglia è tra la coalizione filo-occidentale e l’alleanza guidata Hezbollah, il partito islamico sostenuto dalla Damasco e Teheran. La scelta dell’elettorato libanese è destinata a pesare sul futuro economico di un Paese che necessita di consistenti aiuti internazionali. La campagna elettorale si è chiusa venerdì, con gli ultimi appuntamenti, inclusi i comizi di Saad Hariri, sostenuto da Washington, figlio ed erede politico dell’ex primo ministro assassinato Rafik Hariri. A vigilare sul voto, per evitare scontri, ci sono circa cinquantamila soldati in tutto il Paese.