ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I rischi di Cowen al voto europeo

Lettura in corso:

I rischi di Cowen al voto europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

Tra gli scenari possibili, c‘è anche quello di un ko per il premier Brian Cowen. L’Irlanda oggi vota per il Parlamento europeo, oltre che per le amministrative. Nelle aree remote del Paese, come in alcune isole al largo della contea del Donegal, si è votato già ieri. Il Fianna Fail, principale partito di goveno, rischia grosso e potrebbe pagare la rabbia degli elettori per la recessione. Eoin Ryan, candidato del partito di centro-destra che domina la scena politica irlandese dagli anni Trenta, ha parlato di Europa come mezzo per uscire dalla crisi.

Cosa della quale sembrano essersi convinti gli irlandesi, che hanno detto “no” al Trattato di Lisbona lo scorso anno. Allora appoggiati Declan Ganley. Il leader di Libertas, ha fatto sapere che non farà di nuovo campagna per il “no”, se non otterrà un seggio a Strasburgo. Si vota oggi anche nella Repubblica Ceca. Elezioni su cui pesano le recenti dichiarazioni del Presidente euroscettico Vaclav Klaus “le elezioni europee non sono necessarie” e che arrivano a conclusione di un turbolento semestre di presidenza europea, con la caduta del governo di Mirek Topolanek a marzo. Gli elettori chiamati al voto sono oltre otto milioni e i seggi sono aperti anche domani. Secondo gli analisti, un test per le elezioni politiche in programma a ottobre. In un Paese che non ha ancora ratificato il Trattato di Lisbona.