ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli xenofobi del Partito della Libertà seconda forza politica in Olanda

Lettura in corso:

Gli xenofobi del Partito della Libertà seconda forza politica in Olanda

Gli xenofobi del Partito della Libertà seconda forza politica in Olanda
Dimensioni di testo Aa Aa

Con un programma politico che va dall’anti-islam all’anti-immigrazione, il Partito della Libertà è riuscito a confermarsi come la rivelazione delle elezioni europee nei Paesi Bassi. Con il 16,9 per cento, la formazione di Geert Wilders è la seconda forza politica del paese, e non nasconde nemmeno il carattere anti-europeista.

“Il messaggio forte è che non vogliamo spendere i nostri soldi in Romania o in Portogallo, ma qui in Olanda. Vogliamo che la Turchia non entri mai a far parte dell’Unione europea, e non vogliamo veder nascere questa specie di super-stato. Inoltre, molti sono stanchi del governo in carica, e hanno visto in noi una alternativa positiva a tutto questo”. Pur perdendo quattro punti percentuali, i centristi del premier Balkenende si confermano primo partito, col 20 per cento dei voti e 5 seggi al parlamento di Strasburgo. Tanto basta perché si possa cantar vittoria. “Naturalmente mi congratulo col partito della Libertà e col partito D66, uno anti-europeo e l’altro filo-europeo. Per quanto ci riguarda, come Cristiano-democratici restiamo il partito più forte, e per questo sono soddisfatto dei risultati”. Preoccupano, invece in Europa, le posizioni fondamentaliste della destra di Wilders, che in più occasioni ha comparato il Corano al Mein Kampf di Hitler.