ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rimpasto nel governo britannico

Lettura in corso:

Rimpasto nel governo britannico

Dimensioni di testo Aa Aa

Le probabili dimissioni del ministro dell’interno Jacqui Smith sono l’elemento più eclatante, ma non il solo, del rimpasto ministeriale che il premier britannico Gordon Brown si appresta a fare dopo le elezioni europee, che nel Regno Unito si terranno giovedì. Smith, prima donna ministro dell’Interno in Gran Bretagna, è rimasta impigliata nello scandalo dei rimborsi spese, che riguardavano anche cassette pornografiche noleggiate dal marito. Per Gordon Brown il rimpasto è diventata una necessità per contenere il crollo di popolarità del suo esecutivo. I sondaggi dicono che la consultazione europea darà un ulteriore colpo al suo governo, con i laburisti destinati a diventare il terzo partito britannico. Tra i ministri che lasceranno l’esecutivo anche Jeoff Hoon, attuale titolare dei trasporti. E’ stato l’ultimo, in ordine di tempo, a chiedere scusa per aver richiesto il rimborso di due rate del mutuo di casa. Un’altra testa importante destinata a cadere è quella del ministro delle finanze Alistair Darling, inciampato in un rimborso spese truccato da 404 euro. Quanto a Brown, che ha confermato l’intenzione di procedere al rimpasto, ha detto che lui non si dimetterà.