ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pontiac, una città che rischia di scomparire

Lettura in corso:

Pontiac, una città che rischia di scomparire

Dimensioni di testo Aa Aa

Pontiac, Michigan. Una città che rischia il declino, come è successo per la vicina Flint, immortalata dal regista americano Michael Moore in uno dei suoi film. E per lo stesso motivo. La fabbrica di automobili del gruppo General Motors, da 80 anni motore dell’economia, chiude.

“Conoscete il vecchio detto: quando GM starnutisce, gli Stati Uniti prendono il raffreddore. E’ vero – dice Nick Mansour, immigrato iracheno che gestisce una pizzeria -. Puoi sentire che c‘è qualcosa che non va. E’ come una nuvola nel cielo. non si vede il sole, senti che il tempo non è buono”. A giudicare da uffici e negozi chiusi, la crisi deve aver colpito duro Pontiac, prim’ancora che la General Motors fallisse decretando la chiusura di undici stabilimenti. “Se cammini per la strada – dice un’altra residente -, hai l’impressione che la città si stia addormentando. Temo che più che un sonno, sarà un vero e proprio coma”. “Mi vengono le lacrime agli occhi pensando che ho lavorato per molto tempo qui – aggiunge un operaio -. Ora penso agli amici che ho qui, a tutti quelli che conosco. E’ dura”. La General Motors inventò il marchio Pontiac nel 1926, dando vita a una serie di auto sportive di successo che portavano il nome della città dove erano costruite. Ora anche il marchio scomparirà dalla circolazione.