ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Rimborsi facili: altri due deputati britannici lasciano


Regno Unito

Rimborsi facili: altri due deputati britannici lasciano

Aumentano i parlamentari britannici che cedono alla pressione e lasciano dopo lo scandalo dei rimborsi facili.

L’ira popolare e la dura campagna di stampa hanno determinato la scelta della deputata conservatrice Julie Kirkbride di non ripresentarsi alle prossime elezioni. Segue la decisione di Andrew MacKay, suo marito. Così il leader dei conservatori David Cameron commenta l’accaduto: “E’ stata assolutamente una sua decisione, ne abbiamo parlato in mattinata, si sentiva troppo sotto pressione e dunque ha deciso che lascerà il Parlamento a fine legislatura. Rispetto appieno la sua decisione e capisco le sue ragioni”. Ma la falce dello scandalo non miete vittime solo tra l’opposizione. Non si ricandiderà a fine legislatura nemmeno la deputata laburista Margaret Moran. Si era fatta rimborsare l’equivalente ci circa 25.000 euro per un trattamento anti-muffe per una casa secondaria. Abitazione lontana sia dal Parlamento che dalla sua circoscrizione. Sono ormai 11 i politici britannici che hanno abbandonato il loro posto. Fra i rimborsi che avevano presentato era finito di tutto, dalle cure mediche per il cane, alla costruzione di un isolotto artificiale per le anatre nel leghetto di casa.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Politica