ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'estrema destra ungherese verso le elezioni europee

Lettura in corso:

L'estrema destra ungherese verso le elezioni europee

Dimensioni di testo Aa Aa

L’estrema destra ungherese marcia spedita verso le elezioni europee.

Secondo gli ultimi sondaggi, in Ungheria il partito ultranazionalista dovrebbe riuscire a conquistare almeno un seggio al parlamento europeo. Creato nel 2003, “Jobbik” raccoglie i frutti del malcontento dovuto alla crisi economica, ma soprattutto propone una campagna elettorale apertamente aggressiva contro la larga minoranza rom nel paese. “Lo stato ungherese – sostiene il vice presidente del partito, Csand Szegedi – tratta i rom come animali non come esseri umani. Dà loro soldi e aiuti non per lavorare, ma per fare figli. E’ colpa dello stato che li considera degli animali e conduce una sorta di programma per la riproduzione dei rom”. Tra le proposte del partito: la creazione di un’unità di polizia speciale per combattere la cosidetta “criminalità rom”. Proposte che preoccupano i rappresentanti della comunità. “E’ molto pericoloso – spiega Csand Szegedi – cercare consenso utilizzando questi slogan. Chi cerca di ottenere consenso con lo slogan dei “crimini dei rom” non si rende conto delle tensioni che crea tra la gente che guarda semplicemente la televisione”. La comunità rom ungherese è la più grande dell’Europa dell’est: i suoi membri rappresentano una fetta tra il 5 e il 7 per cento nella popolazione di 10 milioni di persone.