ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Opel, Marchionne: "É una lotteria"

Lettura in corso:

Opel, Marchionne: "É una lotteria"

Dimensioni di testo Aa Aa

Nessun via libera. Solo mercoledí sera il governo tedesco dirà quale dei tre piani presentati per l’acquisto di Opel sia il migliore.

L’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, dopo l’incontro a Berlino con Angela Merkel, si è detto fiducioso, pur ribadendo che la trattativa resta una lotteria e augurandosi che prevalgano le ragioni dell’economia a quelle della politica. Il ministro dell’economia del governo Merkel, Karl Theodor zu Guttenberg ha ammesso i passi avanti compiuti dal Lingotto. “Fiat ci ha fatto un’ottima impressione, davvero non male, ma siamo convinti che il piano possa essere ulteriormente migliorato”. Gli accorgimenti apportati da Marchionne al progetto iniziale non hanno convinto tutti. In casa socialdemocratica qualcuno tifa apertamente per Magna. “Credo che il Cancelliere debba osservare attentamente il piano di Magna, perchè credo sia il piú realistico e il migliore”. Piú equilibrato il tifo fuori dai cancelli Opel. Gli operai sono divisi. “Mi dispiace, sono in ritardo”. Dopo Fiat, sarà il turno di Magna e del fondo americano Ripplewood i cui rappresentanti saranno ricevuti mercoledí dal governo tedesco. In serata la decisione.