ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La condanna Onu non ferma la Corea del Nord

Lettura in corso:

La condanna Onu non ferma la Corea del Nord

Dimensioni di testo Aa Aa

Il regime di Kim Jong Il moltiplica le provocazioni verso la comunità internazionale. E mentre il Consiglio di Sicurezza dell’Onu condanna unanime l’ultimo test nucleare e prepara nuove sanzioni, la Corea del Nord annuncia altri test missilistici.

Le Nazioni Unite si sono pronunciate ad una sola voce dopo l’annuncio da parte di Pyongyang del secondo test nucleare della sua storia, in violazione della risoluzione 1718 del 2006: “Ora lavoreremo ad una nuova risoluzione” ha detto l’ambasciatrice americana al palazzo di vetro, Susan Rice. “E dovrà essere una risoluzione dai contenuti forti”. Esprime soddisfazione e preoccupazione allo stesso tempo il rappresentante del Giappone Yukio Takasu: “E’ una minaccia per la pace e la sicurezza del Giappone e dell’Asia ma è anche una minaccia globale per la non proliferazione e sfortunatamente avviene proprio mentre i leader mondiali lavorano assieme per il disarmo nucleare e la non proliferazione”. L’esperimento nucleare portato a termine lunedì è stato realizzato 400 chilometri circa a Nord-Est di Pyongyang a una profondità di 10.000 metri. Più potente di quello del 2006. Fra oggi e domani la Corea del Nord promette il lancio di missili a corto raggio sul Mar Giallo.