ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Europee: in Francia al via la campagna elettorale


Redazione di Bruxelles

Europee: in Francia al via la campagna elettorale

In Francia si è aperta ufficialmente la campagna elettorale per le europee.

Il sette giugno, i francesi sono chiamati a eleggere i 72 deputati che spettano al Paese, sei in meno rispetto a questa legislatura, (modifica subentrata con l’allargamento dell’Unione). Il timore di un alto tasso di astensione è percepito anche dagli analisti dell’esagono. “Un’elezione è sentita quando c‘è una posta in gioco. L’utilità del voto fa sentire importante quest’appuntamento. Si va alle urne perché si ha il sentimento che sia utile. E per avere questo sentimento ci deve essere una posta in gioco, ci vuole un acceso dibattito o altrimenti non si ha alcuna percezione a livello europeo”. Il ministro dell’agricoltura Michel Barnier e il ministro della Giustizia, la signora Rachida Dati, sono rispettivamente il numero uno e due della lista dell’Ump, il partito di maggioranza al governo, nella circoscrizione dell’Isle de France. Primo partito, stando alle intenzioni di voto, l’Ump ha registrato comunque un leggero calo pari a 2 punti percetuali, passando dal 28 al 26% rispetto a aprile . Dietro l’Ump seguono i socialisti passati dal 22 al 21% nelle intenzioni di voto. La formazione centrista di François Bayrou guadagnando un punto, allarga la distanza con la lista Europe ecologiste di Daniel Cohn -Bendit.

Il nuovo Partito anticapitalista di Olivier Besancenot è accreditato del 6,7% così come il fronte nazionale di Jean Marie Le Pen, che rappresenta invece l’ala radicale più a destra della politica francese.

La soglia di sbarramento è fissata al 5%, bisogna invece raggiungere il 3% per aver diritto ai rimborsi elettorali.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

Redazione di Bruxelles

Lech Kaczynski prudente sull'euro