ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lech Kaczynski prudente sull'euro

Lettura in corso:

Lech Kaczynski prudente sull'euro

Dimensioni di testo Aa Aa

Il presidente polacco conservatore, che non ha mai nascosto il suo euroscetticismo, davanti alla Dieta, la camera bassa polacca, si è pronunciato venerdi contro la moneta unica.

“L’adozione dell’euro non è la panacea di tutti i mali, al contrario, in una situazione di crisi globale e di rallentamento economico, un passo simile potrebbe rivelarsi azzardato”. Kaczynski ha argomentato la difesa dello zloty, moneta nazionale, dicendo che permette al paese di fare una politica monetaria indipendente. Il premier liberale Donald Tusk ha evocato più volte il 2012 come anno per aderire alla zona euro. Rivalità personali e politiche oppongono le prime due cariche del paese, il presidente Kaczynski accusa l’esecutivo di inazione di fronte alla crisi, mentre il governo ripete che la Polonia è stata relativamente ripsarmiata. L’ultima discussione fra i due, su chi debba rappresentare la Polonia ai vertici eruopei, è stata moderata dalla Corte Costituzionale, secondo cui il presidente è libero di parteciparvi.