ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I veterani Gurkha potranno risiedere nel Regno Unito

Lettura in corso:

I veterani Gurkha potranno risiedere nel Regno Unito

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla fine, i Gurkha la battaglia l’hanno vinta. Per una volta, non contro i nemici del Regno Unito, ma per poter vivere nel Regno Unito. Il governo di Londra ha ceduto sui veterani della brigata nepalese della Corona e ha deciso di allentare le rigide regole che fino a ora regolavano la possibilità di stabilirsi sul suolo britannico. “Sono felice – ha detto il ministro dell’Interno Jaqui Smith alla Camera dei Comuni – che si sia raggiunto un accordo nel governo, nella Camera, e con i rappresentanti dei Gurkha su diritti che tutte le persone che ci hanno servito così bene meritano”.

A beneficiare dei nuovi diritti i Gurkha andati in pensione prima del 1997 e con almeno quattro anni di servizio alle spalle. Che ringraziano l’attrice Joanna Lumley, figlia di un ex combattente e paladina della causa: “Voglio ringraziare il Parlamento – ha detto Lumley – per avere dato significato alla democrazia. Voglio ringraziare in modo speciale il premier Gordon Brown, un uomo coraggioso che ha preso una decisione coraggiosa”. I Gurkha sono parte integrante dell’esercito britannico da quasi duecento anni, quando iniziarono ad essere arruolati, per le spiccate attitudini al combattimento emerse durante il conflitto anglo-nepalese. Negli ultimi anni hanno combattuto in Iraq e Afghanistan. Nel 1997 la loro base fu trasferita da Hong Kong al Regno Unito. Secondo le stime, potrebbero essere circa 15.000 a ora fare richiesta per viverci. Al governo potrebbe costare un miliardo e mezzo di sterline.