ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Si dimette speaker Comuni, Brown annuncia riforme dopo scandalo rimborsi

Lettura in corso:

Si dimette speaker Comuni, Brown annuncia riforme dopo scandalo rimborsi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il parlamento britannico vive uno dei momenti più sconvolgenti nella sua storia: lo speaker della camera dei comuni costretto a dimettersi, il primo ministro che annuncia cambiamenti radicali in un sistema vecchio di secoli per ripulirlo dopo lo scandalo dei rimborsi spese.

Michael Martin lascerà l’incarico il 21 giugno, oltre tre secoli dopo le dimissioni, per corruzione, di un altro speaker dei Comuni. Deputati di entrambi gli schieramenti avevano votato una mozione di sfiducia nei confronti di Martin. “Un nuovo speaker non calmerà la rabbia della gente”, ha detto la laburista Kate Hoey, “abbiamo bisogno di riflette sulla figura degli speaker che vogliamo e sui cambiamenti da introdurre il prima possibile”. Lo scandalo dei rimborsi spese ha travolto l’intera classe politica, laburisti e conservatori. Il leader dei Tory è tornato a chiedere elezioni anticipate: “Quello di cui abbiamo bisogno non è solo un nuovo speaker”, ha affermato David Cameron, “abbiamo bisogno di un nuovo parlamento. E’ necessario che i cittadini attraverso le elezioni possano giudicare i loro politici”. Ipotesi scartata dal primo ministro: Gordon Brown sostiene che bisogna ripulire il sistema. Tra le riforme da lui annunciate l’affidamento della regolamentazione dei rimborsi a un organo esterno e indipendente: “Westminster non può funzionare come un club di gentlemen i cui membri decidono le regole e come applicarle”, ha detto Brown. Lo scandalo ha minato il prestigio della camera dei Comuni e si abbatte in particolare sul Labour, già staccato nei sondaggi dai conservatori. Il 69 per cento dei britannici ritiene che Gordon Brown abbia gestito male la situazione.