ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Regno Unito: i Commons discutono su come ridare credibilità al Parlamento

Lettura in corso:

Regno Unito: i Commons discutono su come ridare credibilità al Parlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Niente elezioni anticipate in vista in Gran Bretagna, ma la Camera dei Comuni subirà inevitabilmente i contraccolpi dello scandalo dei rimborsi facili.

Ieri le dimissioni del suo presidente, Michael Martin, accusato di non essere stato in grado di gestire la crisi. Non accadeva da trecento anni. Tra i primi provvedimenti annunciati la creazione di un organo esterno e indipendente che moniterà il sistema dei rimborsi; “Westminster, ha detto Brown, non puo’ funzionare come un club”. I giornali annunciano tempi duri per i parlamentari e per i tre partiti principali. Sotto accusa un intero sistema. “A dominare è questa terribile cultura, aggressiva, maschilista, all’antica, segreta, dice il parlamentare liberal democratico Norman Lamb. Tutto questo deve cambiare, va modernizzato, dobbiamo disfarci di una serie di convenzioni che non hanno alcun senso per i cittadini.” Se l’opposizione guidata da David Camerun chiede elezioni anticipate, e i sondaggi danno i conservatori notevolmente in testa rispetto ai laburisti, risulta anche che se si andasse oggi alle urne il 40% dei britannici non voterebbe per uno dei tre partiti principali, o non voterebbe affatto. Ad avvantaggiarsene sarebbero i partiti minori.