ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sri Lanka, l'Ue chiede inchiesta per violazione diritti umani

Lettura in corso:

Sri Lanka, l'Ue chiede inchiesta per violazione diritti umani

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo dello Sri lanka annuncia la morte del suo nemico numero uno, il capo storico delle Tigri Tamil, e insieme la fine di una guerra civile durata venticinque anni.

Tra i corpi dei guerriglieri uccisi, quello di Charles Anthony, figlio del capo. La tv di stato non mostra invece la prova della morte del padre, Vellupillai Prabhkaran, forse nel timore di farlo apparire come un eroe. Secondo l’esercito, sarebbe stato ucciso mentre tentava di fuggire a bordo di un’ambulanza. Nella sua battaglia finale per strappare anche l’ultima parte dell’isola al controllo delle Tigri Tamil, l’esercito singalese sostiene di aver ucciso 250 guerriglieri. Sarebbero invece almeno 6.500 i civili uccisi nelle ultime settimane, vuoi dai bombardamenti dei militari, vuoi dai guerriglieri. Quel che sembra certo, secondo i rapporti all’esame dell’Unione europea, è che sono state commesse violazioni dei diritti umani. I ventisette reclamano quindi un’inchiesta indipendente che assicuri i responsabili alla giustizia. Sul terreno, il dramma degli sfollati è il più urgente: in tutto sarebbero 250mila. Il ministro degli esteri singalese si dice pronto ad accogliere qualunque tipo di aiuto internazionale.