ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UK. Inchiesta giudiziaria sui rimborsi

Lettura in corso:

UK. Inchiesta giudiziaria sui rimborsi

Dimensioni di testo Aa Aa

In Gran Bretagna lo scandalo dei rimborsi ai parlamentari potrebbe spostarsi dal piano politico a quello giudiziario. La magistratura si è messa a indagare sulla legittimità delle note spese presentate dai politici. La prima vittima nel governo è Shaid Malik, sottosegretario alla giustizia. E’ stato costretto a dimettersi sopo che si è saputo che pagava un affitto a Londra molto inferiore al prezzo di mercato: “Ogni parlamentare spende i soldi secondo i propri bisogni – dice Malik – Non mi sento in dovere di scusarmi. Ecco perché ho detto che non restituirò nulla alle autorità”.

In questi tempi di crisi economica, la disinvoltura dei parlamentari è percepita come un tradimento da parte dell’opinione pubblica britannica e gli effetti potrebbero essere profondi. L’ex ministro laburista Tony Benn: “Ci saranno conseguenze, senza dubbio. E’ il concetto stesso di democrazia in Gran Bretagna che subisce un duro colpo. E questo è un male perché ci danneggia tutti”. A beneficiare allegramente del sistema sono stati tutti, ma è chiaro che a pagare il conto più salato sarà il partito al governo. Per i laburisti di Gordon Borwn la prima sanzione potrebbe arrivare con le elezioni europee e con i primi appuntamenti delle amministrative parziali.