ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Intel annuncia che ricorrerà in appello contro la decisione di Bruxelles

Lettura in corso:

Intel annuncia che ricorrerà in appello contro la decisione di Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Prime reazioni di soddisfazione delle aziende vittime della concorrenza sleale di Intel, multato dall’antitrust europeo. Il colosso americano di microchip pagava produttori e rivenditori di pc per annietare i suoi concorrenti.

Pratiche che hanno in effetti penalizzato aziende rivali: “La mia società – spiega il portavoce di Amd, Jens Drews – non avanzava a causa delle condizioni del mercato. Non riuscivamo a crescere oltre una certa soglia, proprio per colpa delle manipolazioni esercitate da Intel. Ora che la Commissione ha confermato che le loro pratiche erano illegali cerchiamo di essere competitivi puntando su qualità e prezzi.” Intel, che dovrà pagare una multa da record di oltre un miliardo di euro, annuncia battaglia: “La nostra risposta è sempre la stessa – afferma Bruce Sewell di Intel – rispetteremo la decisione dell’Unione europea e raccoglieremo la cifra che corrisponde alla multa. Ma ci difenderemo con determinazione ricorrendo in appello alla Corte di primo grado”. A salutare positivamente la sentenza sono state anche le associazioni dei consumatori. Secondo Bruxelles infatti, le pratiche di Intel avrebbero danneggiato milioni di europei. 01.07 fine