ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Papa: "Il muro è il simbolo della tragedia"

Lettura in corso:

Papa: "Il muro è il simbolo della tragedia"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Il muro è una tragedia, l’ostilità va contrastata da entrambe le parti con il coraggio”. Cosi’ Papa Bendetto sedicesimo di fronte al muro che separa Betlemme, città natale di Cristo, da Gerusalemme, città simbolo per le tre religioni monoteiste.

Nel sesto giorno del viaggio in Terra Santa il Papa è entrato nei territori palestinesi. Calda l’accoglienza al campo profughi di Aida, dove uno spettacolo di danza ha rievocato l’ esodo dalla Palestina storica, dopo la creazione d’Israele nel quarantotto. Ad accogliere il Papa all’arrivo in Cisgiordania il presidente dell’ ANP Mahmud Abbas. A Betlemme Benedetto sedicesimo ha fornito il suo sostegno alla creazione di uno stato palestinese: “La Santa sede – ha affermato – sostiene il diritto del vostro popolo a una patria palestinese sovrana sulla terra dei vostri padri, che sia sicura e in pace con i suoi vicini nell’ambito di confini internazionalmente riconosciuti” Il Papa ha inoltre ricordato gli abitanti della Striscia, vittime dell’ offensiva israeliana del gennaio scorso. Sono una cinquantina i cattolici di Gaza che nonostante avessero il permesso ad attraversare il confine per partecipare all’incontro con il Pontefice sono stati fermati al valico di Eretz e rimandati indietro.