ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

India alle urne, quinta e ultima fase. Incertezza fra Congress Bjp

Lettura in corso:

India alle urne, quinta e ultima fase. Incertezza fra Congress Bjp

Dimensioni di testo Aa Aa

Tappa conclusiva del tour elettorale più lungo al mondo. L’India vota oggi nella quinta e ultima fase del processo che porterà al rinnovo della camera bassa del Parlamento.

Un voto cruciale che interessa più di cento sette milioni di aventi diritto in nove Stati e territori. West Bengala, Tamil Nadu e Uttar Pradesh quelli che hanno i numeri per fare la differenza. Qui si potrebbe decidere la sfida fra i due principali partiti per la formazione di un nuovo governo. Ma nè il Partito del Congresso, storica formazione di Sonia Gandhi guidata dall’attuale Premier Manmohan Singh, nè i nazionalisti indu del Bjp guidati da Advani riusciranno verosimilmente a governare da soli. Il partito di Sonia Gandhi, che ha subito la beffa di vedere candidato con l’opposizione induista il nipote dell’ex Premier Indira Gandhi, Varun, è dato per favorito. Ma saranno comunque i piccoli partiti, tra questi i comunisti, a poter fare la differenza. Scontri e disordini non sono mancati durante le quattro settimane di voto che avranno interessato complessivamente sette cento quattordici milioni di elettori. Un voto il cui esito resta difficile da prevedere anche in virtù del divieto in India di effettuare exit polls. I risultati, attesi per sabato sedici maggio, rischiano dunque di lasciare il Paese nell’incertezza delle coalizioni. Un Paese in preda alla crisi economica, sotto la costante minaccia del terrorismo e in relazioni sempre peggiori col vicino Pakistan.