ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Papa atteso allo Yad Vashem, sullo sfondo di polemiche

Lettura in corso:

Il Papa atteso allo Yad Vashem, sullo sfondo di polemiche

Dimensioni di testo Aa Aa

La visita allo Yad Vashem è uno dei momenti più attesi del viaggio del Papa in Terrasanta. Attesi e delicati, a causa delle polemiche seguite alla riabilitazione del vescovo negazionsita Richard Williamson. Ma anche per le divergenze in merito al giudizio storico su Pio XII.

Il Vaticano lo vuole beatificare, mentre in Israele se ne condanna il silenzio sullo sterminio degli ebrei ad opera dei nazisti. “Quello che diciamo è che Pio XII non intervenne mai pubblicamente su questo argomento. Ha mai fatto parola, in veste ufficiale, di ciò che stava accadendo a milioni di ebrei? ha mai riconosciuto l’Olocausto? Qui sappiamo, e credo che nessuno osi affermare il contrario, che non lo ha fatto”. Sul caso Williamson, Benedetto XVI ha riconosciuto l’errore, ammettendo di non essere stato a conoscenza delle tesi negazioniste del vescovo lefebvriano, prima di revocarne la scomunica. Su Pio XII le posizioni restano invece distanti. Già durante la visita di Giovanni Paolo II, nel 2000, il Papa non presentò scuse sul silenzio della Chiesa di fronte alla Shoah.