ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fuoco a Mosca: in fiamme una conduttura del gas

Lettura in corso:

Fuoco a Mosca: in fiamme una conduttura del gas

Dimensioni di testo Aa Aa

Mosca non vedeva un incendio di queste dimensioni da vent’anni: e per fortuna non si contano i morti. Un bilancio non confermato parla di cinque feriti. Fiamme alte un centinaio di metri, con un’estensione di almeno ottocento metri quadrati.

Poco dopo mezzanotte, quando i dintorni di via Ozernaya, nella periferia sud-occidentale della capitale russa, erano avvolti dal silenzio, si è sentita una forte esplosione, e subito dopo le fiamme, visibili da chilometri di distanza. Ha preso fuoco una tubatura del gas, non lontano da un distributore di benzina. Il sindaco di Mosca, Yuri Luzhkov, si è recato sul posto insieme al ministro delle emergenze, Sergei Shoigu, ed ha subito accreditato la tesi dell’incidente: se ne è detto sicuro al 99%, anche se – ha aggiunto – si dovrà svolgere un’inchiesta approfondita. La conduttura, dicono alcuni tecnici, era particolarmente usurata. Le fiamme hanno semi-distrutto anche un edificio in costruzione, mentre le abitazioni più vicine distano almeno 500 metri dal luogo dell’incidente. Molto più vicino invece un negozio d’automobili, che i soccorritori hanno cercato di mettere al riparo prima che, a loro volta, esplodessero. Ma soprattutto, l’urgenza principale: evitare che le fiamme coinvolgessero il distributore di benzina. I rubinetti del gas sono stati subito chiusi, ma soltanto dopo sei ore si è effettivamente ridotto l’afflusso di carburante, e i pompieri moscoviti hanno potuto dire che la situazione era ormai sotto controllo.