ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I Paesi del Caspio non danno sostegno al gasdotto Nabucco

Lettura in corso:

I Paesi del Caspio non danno sostegno al gasdotto Nabucco

Dimensioni di testo Aa Aa

Sostegno parziale all’Unione Europea per il gasdotto Nabucco. Al Summit di Praga convocato da Bruxelles per discutere le alternative alla dipendenza dal gas russo, i Paesi del Caspio, Uzbekistan, Kazakhstan e Turkmenistan, non hanno firmato la dichiarazione finale di sostegno politico al progetto concorrente del russo South Stream.

Azerbaijan, Turchia, Egitto e Georgia hanno invece assicurato il loro sì. Bruxelles mira a concludere entro giugno un accordo per il transito del gas in Turchia. Oltre Paesi interessati ai progetti con l’Unione Europea sono presenti in qualità di osservatori anche rappresentanti di Stati Uniti, Ucraina e Russia. La costruzione del gasdotto Nabucco, oltre tremila chilometri tra i giacimenti del Caspio e l’Austria, dovrebbe cominciare nel 2010, ma mancano ancora i 7,9 miliardi di euro necessari. Tra gli altri progetti del “Corridoio sud” l’Interconnettore Turchia-Grecia-Italia e il ‘White Stream’ che dovrebbe collegare la Georgia alla Romania attraverso il Mar Nero.