ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Trattato di Lisbona: sì di Praga, ma Klaus prende tempo

Lettura in corso:

Trattato di Lisbona: sì di Praga, ma Klaus prende tempo

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa più vicina ad avere un trattato.

Il senato di Praga ha approvato il trattato di Lisbona, che punta ad adattare le istituzioni europee a un’Unione sempre più allargata. 54 i voti a favore, 20 i contrari. L’approvazione era data per probabile ma non per scontata, e un rifiuto avrebbe significato probabilmente la morte del trattato. Il presidente della Commissione Barroso ha espresso soddisfazione: “È un importantissimo segnale di fiducia da parte della Repubblica Ceca nel nostro progetto comune – ha detto Barroso -. Spero che tutti gli altri requisiti necessari siano completati in Repubblica Ceca e anche nei paesi che non hanno ancora completato il loro processo di ratifica”. Il presidente ceco Vaclav Klaus, strenuo oppositore del trattato, ha deciso di prendere tempo, prima di firmare la ratifica: “Intendo aspettare, perché alcuni senatori pensano di rivolgersi alla Corte costituzionale. In questo caso, non deciderò se firmare o no prima che la Corte si sia pronunciata”. Klaus ha anche detto di voler aspettare l’esito del secondo referendum irlandese, che dovrebbe tenersi in autunno. Il documento attende anche il completamento della ratifica in Polonia, dove manca la firma presidenziale, e in Germania, dove deve pronunciarsi la Corte costituzionale.