ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Bce riduce il costo del denaro all'1%, nuovo minimo storico

Lettura in corso:

La Bce riduce il costo del denaro all'1%, nuovo minimo storico

Dimensioni di testo Aa Aa

La Banca centrale europea ha ridotto il costo del denaro di un quarto di punto all’1 per cento, conformemente alle attese del mercato.

Meno scontato, invece, il messaggio del presidente della BCE Jean Claude Trichet, che in futuro non esclude nuovi tagli, se le aspettative di inflazione scendessero ancora. Certo è che i tassi all’1% sono un minimo storico e Trichet ha fatto capire che per qualche tempo resteranno stabili. Nel settembre 2008, erano al 4,25 per cento. Il presidente della BCE ha dichiarato che l’inflazione resta a un livello moderato, ma ha sottolineato la fragilità dell’economia nella zona euro, che nel primo trimestre si è deteriorata più del previsto. Il secondo trimestre – ha detto – sarà invece molto meno negativo. “La decisone che abbiamo preso oggi tiene conto delle aspettative sull’evoluzione dei prezzi. Riteniamo che l’inflazione resterà bassa a causa del crollo dei prezzi delle materie prime e del rallentamento delle attività economiche sia nell’eurozona sia a livello globale”. I banchieri centrali hanno adottato anche misure non convenzionali per rilanciare il credito. Ad esempio, procederanno all’acquisto diretto di obbligazioni garantite per circa 60 miliardi di euro, con modalità che verranno annunciate nella prossima riunione di giugno. Inoltre, l’istituto porterà da sei a dodici mesi le operazioni di rifinanziamento alle banche.