ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grandi manovre tra Gm e Fiat, ma a rischio chiusura fabbriche in Europa

Lettura in corso:

Grandi manovre tra Gm e Fiat, ma a rischio chiusura fabbriche in Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Quattro anni dopo il divorzio con Fiat, General Motors punta a entrare nel capitale della casa torinese.

Secondo fonti vicine alle trattative la società americana, a rischio bancarotta, mira al 30 per cento di Fiat offrendo in cambio le proprie attività in Europa e America Latina. Il Lingotto sarebbe pronto a cedere meno del 10 per cento. Le trattative fra GM e Fiat potrebbero costare centinaia di posti di lavoro. Secondo la stampa tedesca l’acquisizione di Opel, controllata della società americana di GM, da parte di Fiat prevederebbe la chiusura di alcune fabbriche, due in Italia, una al nord e una al sud. “Sia garantita l’occupazione altrimenti Sergio Marchionne in italia avrà problemi enormi”, ha reagito la Fiom. I sindacati italiani mercoledì avevano già chiesto un tavolo con Fiat e governo per discutere del futuro degli stabilimenti italiani. L’amministratore delegato di Fiat haannunciato che diventerà ad anche di Chrysler, una volta che la casa di Detroit sarà uscita dalla procedura di bancarotta controllata, ossia entro 60 giorni.